Il discreto fascino dei parchi architettonici cinesi abbandonati

Dopo un iniziale breve approccio legato alle mie esplorazioni di architetture e città, da anni il genere Urbex, ovvero l’introdursi in edifici abbandonati per scoprirli e fotografarli, non mi appassiona più. Le cose però cambiano quando gli edifici abbandonati sono nuovi di zecca, firmati dalle archistar più note del catalogo e radunati nel raccolto spazio di un parco architettonico. Anche più di uno a dire il vero. Naturalmente, in Cina.

Questo è il CIPEA, ovvero il Chinese International Practical Exhibition of Architecture: vanta un museo di Steven Holl, un centro conferenze di Arata Isozaki, un hotel di Liu Jiakun,  un centro ricreativo di Ettore Sottsass, ville firmate tra gli altri da SANAA, David Adjaye, Ai Weiwei, Odile Decq. Il tutto nella quasi totale assenza di un pubblico che li usi o li veda.

Quello che segue invece è il Jinhua architecture park: come il precedente è un luogo senza vita, vittima delle ambizioni degli ideatori. In questo caso si tratta soprattutto dell’artista Ai Weiwei che ha radunato una serie di progettisti di fama dalla sua rete di conoscenze: Herzog & de Meuron, Liu JiaKun, Toshiko Mori, Michael Maltzan e altri che confesso di non conoscere.

In area cinese la febbre architettonica è alta, tanto che è possibile ricordare altri esempi tanto entusiasti quanto velleitari di affastellamenti di architetti prestigiosi: il progetto ORDOS100 in Mongolia ne ha raccolti ben 100 , il progetto MAD per Huaxi “solo” 11.

Sono luoghi affascinanti per le finalità, per l’assenza di vita che li avvicina a dei modelli distopici di città in scala 1:1, per lo sfarzo inutilmente profuso e non da ultimo per la bellezza delle architetture, o almeno per la loro vivacità. Credo che potrei passare ore felici a fotografare questi parchi surreali (mi scuso con gli autori delle foto di cui non sono riuscito a ritrovare i riferimenti), nel frattempo mi limito a segnalare questo buon articolo sul tema.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.